Rapporto sui progressi globali nell’attuazione del trattato sul controllo del tabacco

I progressi sono evidenti nell’attuazione della maggior parte degli articoli della Convenzione, in particolare le misure vincolanti relative a fumo e ambiente aperto al pubblico, imballaggi ed etichettatura, divieto di pubblicità, promozione e divieto di sponsorizzazione. Sebbene lo stato di attuazione sia costantemente migliorato dall’entrata in vigore della Convenzione nel 2005, i progressi verso l’attuazione dei vari articoli non sono uniformi, con tassi che vanno dal 13% all’88%.

Quelli implementati con maggior successo sono stati:

  • articolo 8 (protezione dall’esposizione al fumo di tabacco),
  • articolo 11 (imballaggio ed etichettatura dei prodotti del tabacco),
  • articolo 12 (comunicazione, formazione e sensibilizzazione del pubblico) e
  • articolo 16 (vendite ai minori).

Quelli che sembrano trascurati sono:

  • articolo 18 (Protezione dell’ambiente e la salute delle persone),
  • articolo 19 (Responsabilità) e
  • articolo 17 (Offerta di sostegno di attività alternative economicamente valide).

Importanti progressi sono stati osservati nell’attuazione di misure relative alla riduzione della domanda di tabacco. Oltre il 90% delle parti ha dichiarato di aver introdotto politiche fiscali e / o tariffarie e la stessa percentuale ha dichiarato di aver vietato il fumo in tutti i luoghi pubblici. Un numero considerevole di parti ha anche condiviso la propria esperienza nell’estensione del divieto di fumare in ambienti esterni, nonché sull’inclusione dei nuovi prodotti senza fumo, come le sigarette elettroniche, nella legislazione esistente.

Le avvertenze sanitarie sui pacchetti di tabacco sono ora implementate in quasi il 90% delle parti, con un numero crescente di parti che attuano o prevedono di implementare pacchetti generici o anonimi. I servizi di diagnosi e di trattamento della dipendenza sono inclusi nei programmi nazionali di controllo del tabacco in più dei due terzi delle parti, il che rappresenta un progresso significativo rispetto alla metà del 2016.

Mentre la maggior parte delle parti ha segnalato l’esistenza di un divieto generale nei loro paesi su tutte le pubblicità, la promozione e la sponsorizzazione del tabacco, la pubblicità transfrontaliera rimane meno regolamentata e difficile da far rispettare. Oltre due terzi delle parti hanno anche riferito di aver promulgato o rafforzato la legislazione volta a contrastare il commercio illecito a livello nazionale.

Nel 2018, un numero crescente di parti ha riferito di aver messo in atto o sviluppato strategie nazionali multisettoriali e piani d’azione per il controllo del tabacco, con quasi due terzi che segnalano le misure adottate per impedire l’interferenza dell’industria del tabacco con le politiche di controllo del tabacco.

Anche se l’85% delle parti ha vietato la vendita di prodotti del tabacco ai minori e un numero crescente di parti ha aumentato l’età minima per acquistare prodotti del tabacco, c’è ancora spazio per miglioramenti, in particolare nel divieto di distributori automatici.

I sistemi nazionali di sorveglianza del tabacco sono istituiti da oltre il 70% delle parti, i progressi della ricerca e l’osservazione dei modelli di consumo del tabacco hanno contribuito a migliorare il monitoraggio dei progressi verso l’attuazione della FCTC dell’OMS.

Le interferenze dell’industria del tabacco, assieme all’emergere di sempre nuovi prodotti del tabacco, sono considerate il ​​più grave ostacolo all’attuazione della Convenzione. Nonostante i significativi progressi, la mancanza di risorse umane e finanziarie rimane la sfida più spesso citata dalle parti. Inoltre, l’assistenza tecnica è ancora indispensabile nei settori della tassazione, dello sviluppo delle politiche, della ricerca e dei programmi nazionali di cessazione.

Leggi Progress report completo