L’Istituto Superiore di Sanità condivide l’allarme sui rischi per l’indipendenza della ricerca e della formazione scientifiche legati all’industria del tabacco.

L’ISS non concede patrocinio e non partecipa a convegni e congressi sponsorizzati dall’industria del tabacco

E’ la conclusione della posizione dell’Istituto Superiore di Sanità in risposta alla lettera aperta di Tobacco Endgame.

L’Istituto dichiara la sua preoccupazione per la situazione dell’epidemia di tabacco in Italia, in particolare per l’aumento dei giovani fumatori che continueranno ad alimentarla.
Inoltre la comparsa sul mercato dei nuovi prodotti (e-cigs e prodotti a tabacco riscaldato) ha creato incertezza tra i consumatori e nell’applicazione delle leggi a tutela della salute dei non fumatori.

Grazie all’Istituto Superiore di Sanità per la chiarezza della sua posizione in difesa della salute pubblica. Aspettiamo di conoscere la posizione del Ministero della Salute e delle altre istituzioni interpellate.

Leggi la lettera di risposta ed il parere dell’Istituto Superiore di Sanità