Mercato delle Sigarette

Andamento delle vendite di sigarette in Italia

Il mercato delle sigarette in Italia presenta in questi anni una tendenza alla diversificazione, con fenomeni come la formazione di un significativo segmento composto da fumatori di sigarette fatte in proprio (Roll-Your-Own), un fenomeno denominato “sostituzione di prodotto”.
Inoltre si assiste alla diffusione di nuovi prodotti come le sigarette elettroniche, tra gli adulti e i ragazzi, e di sigarette a tabacco riscaldato (Heat-Not-Burn). Su questi si appuntano le aspettative dell’industria, le speranze di molti fumatori che vogliono ridurre i rischi, senza dover rinunciare alla dipendenza dalla nicotina. D’altra parte essi suscitano preoccupazione del mondo della salute, perché questi prodotti potrebbero rivelarsi un mezzo per la iniziazione al fumo e alla dipendenza da nicotina tra i ragazzi e, a conti fatti, un possibile aiuto per il fumatore, ma un rimedio peggiore del male per la popolazione. ­

VENDITE DI SIGARETTE CONFEZIONATE
Nel periodo 2004 – 2018 le vendite di sigarette confezionate appaiono in costante riduzione, in Italia: da quando, nel 2004, se ne vendevano in media 24,7 milioni di Kilogrammi al trimestre, al 2018 anno in cui ne sono stati venduti circa 16,8 milioni di Kg, una riduzione del 32%.
Bisogna tener conto del fatto che 1 kg equivale a 1000 sigarette.

VENDITE DI TABACCO SCIOLTO
Negli stessi anni sono aumentate le vendite di tabacco sciolto per sigarette fatte a mano. Rilevante è stato il balzo negli anni 2009 – 2012, il periodo della crisi economica, durante il quale la percentuale di tabacco sciolto è passata dall’1% al 5%, per poi continuare a lievitare fino al 7% nel 2018.

VENDITE DI TABACCO per dispositivi a Tabacco Riscaldato
Il tabacco per dispositivi che, invece di bruciarlo, lo riscaldano sta rapidamente conquistando la terza posizione nella classifica dei prodotti più venduti, dopo sigarette confezionate e tabacco sciolto per sigarette fatte in proprio (RYO). In poco più di quattro anni le vendite sono passate da circa 2000 kg. per trimestre a oltre mezzo milione di chilogrammi.

CAMBIAMENTO DEL MERCATO
Nel breve volgere di quattro anni il mercato del tabacco ha mostrato un notevole dinamismo: le quantità totali vendute (sigarette tradizionali, sigari, sigaretti, tabacco sciolto e sigarette a tabacco riscaldato, oltre a quote marginali di tabacco da mastico e da pipa) si sono ridotte di 895.000 Kg. passando dal primo trimestre 2015 al primo 2019.

Nello stesso lasso di tempo, la quota del mercato detenuta dalle sigarette tradizionali si è ridotta di 7 punti percentuali, mentre la quota del tabacco sciolto per sigarette fatte a mano e quella dei sigaretti sono aumentate di due punti, e un nuovo protagonista, le sigarette a tabacco riscaldato, ha conquistato il 3% del mercato.
La figura sotto mostra questi cambiamenti, utilizzando una scala, quella logaritmica, che evidenzia il cambiamento percentuale dei tre prodotti.
Nella figura successiva, si confrontano due grafici che rappresentano le quote di mercato nell’ultimo trimestre 2014 e nel primo trimestre 2019.

Percentuali di vendite di sigarette, tabacco sciolto per sigarette fatte in proprio e prodotti a tabacco riscaldato, per trimestre

Proiezioni

Nel 2004, le vendite di sigarette (e di tabacco sciolto) sfioravano le 100.00 tonnellate. Siamo arrivati a 68.500 tonnellate nel 2018.
Continuando così, arriveremo a 53.000 nel 2025. Ma si può fare di più!