MOZZICONI: quando il diavolo ti accarezza, vuole la tua anima!

Legittimata dal decreto del Ministero dell’Ambiente 15 Febbraio 2017, ma in spregio alla Convenzione Quadro per il Controllo del Tabacco, la Philip Morris sta conducendo una campagna contro l’abbandono dei mozziconi nei luoghi pubblici all’aperto

Con i soldi fatti avvelenando centinaia di milioni di uomini e donne in tutto il mondo, la Philip Morris si rifà la faccia mostrando di voler educare i fumatori, i suoi clienti, finanziando la campagna #cambiagesto.
Guardate con che faccia tosta responsabili della Philip Morris parlano di etica e rispetto per l’ambiente, per chi getta i mozziconi per terra. Ma per loro no? etica e salute non valgono, quando vendono e continuano a vendere un prodotto mortale? Non sono proprio loro i principali responsabili del danno alla salute e di quello all’ambiente?

un portacenere tascabile della campagna

Il Codacons aveva avanzato ricorso all’antitrust accusando la Philip Morris di effettuare pubblicità ingannevole, in quanto nella campagna non si faceva menzione della nocività del fumo né della possibile e definitiva soluzione ai mozziconi: non produrli evitando di fumare. Ma, a Novembre 2019, l’agenzia ha respinto il ricorso. Guarda uno degli eventi organizzati per conto di Philip Morris dall’agenzia di comunicazione ERICA.
Leggi un articolo da Panorama e uno da Roma Today.

Perchè l’Organizzazione Mondiale della Sanità dice NO

Per l’industria del tabacco, le azioni di responsabilità sociale sono parte delle relazioni pubbliche. L’approccio dell’industria del tabacco alla responsabilità sociale delle imprese e attività simili è stato ben descritto da un dirigente del British American Tobacco: la responsabilità sociale fornisce “copertura aerea” per distrarre governi e opinione pubblica da ciò che è evidente: la sigaretta è mortale e l’industria la promuove attivamente.
Una industria mortale acquisisce benemerenze, intessendo relazioni con settori del Governo e facendo pubblicità a se stessa. In tal modo, pur essendo la principale causa della produzione di sigarette e, quindi, di mozziconi, si presenta come benefattrice della società, attribuendo tutte le responsabilità dei danni all’ambiente ai poveri fumatori. Quando il diavolo ti accarezza vuole la tua anima!

Su questo stesso argomento leggi:
appello per una informazione indipendente
– Striscia la Notizia dà vita alla campagna “NO mozziconi a terra!
Danni all’ambiente
Mozziconi: il rifiuto tossico dimenticato
La bioplastica dei filtri delle sigarette ostacola la crescita delle piante
Decreto attuativo 15/02/2017 del Ministero dell’Ambiente per il divieto di abbandono dei mozziconi imposto dalla Legge 221/2015 art. 40