Teenager USA: fumatori al minimo storico, svapatori al massimo. Anni di progresso compromessi e a rischio una nuova generazione

Il Presidente di Truth, la maggiore ONG americana anti-tabacco, si appella all’Amministrazione USA

il consumo di sigarette al minimo storico tra i giovani

Il tasso di fumo tra i giovani è sceso al minimo storico del 3,7%, secondo i nuovi dati del sondaggio Monitoring the Future (MTF). Questa è un’enorme vittoria per la salute pubblica e una pietra miliare da celebrare.
Tuttavia, mentre la fine del fumo di sigaretta tra i giovani sembra a portata di mano, il consumo di tabacco da parte dei giovani è al suo massimo livello in quasi 20 anni, trainato dall’impennata del consumo di sigarette elettroniche. Anni di progressi sono stati cancellati, visto che milioni di adolescenti, la maggior parte dei quali non stava fumando sigarette come evidenziato dall’indagine, sono ora in cammino verso la dipendenza da nicotina con un prodotto in gran parte non regolamentato che mette a rischio la loro salute attuale e futura.

l’uso di sigarette elettroniche aumenta tra gli adolescenti USA

L’indagine di oggi sottolinea ulteriormente la gravità dell’epidemia di sigarette elettroniche tra i giovani. Lo svapo giovanile continua a crescere, con il 22,5% di alunni dell’8°, 10° e 12° grado che dichiara di aver svapato negli ultimi 30 giorni. Ciò si aggiunge alle prove raccolte dal National Youth Tobacco Survey del 2019 che mostrano un allarmante 27,5% di liceali che usano sigarette elettroniche, il 21,4% dei quali riferisce di usarle su base giornaliera.

marijuana

L’indagine mette in luce anche un cambiamento nel modo in cui gli adolescenti consumano marijuana: il 10,1% dei giovani ha svapato la marijuana nell’ultimo mese, quasi il doppio della percentuale rispetto allo scorso anno.
È importante notare che il consumo complessivo di marijuana da parte dei giovani non è aumentato in modo significativo. L’aumento sta nel fatto che più giovani la stanno svapando.

EVALI

Nessuno conosce tutti gli effetti dello svapo sulla salute, a breve o a lungo termine. Le indagini in corso dei Centers for Disease Control sui 2.409 casi (52 decessi) di malattia polmonare correlata allo svapo, insieme a numerosi studi attualmente in corso, stanno appena iniziando a identificare cosa può accadere quando i prodotti sono ammessi sul mercato senza essere testati per la sicurezza e senza rispettare pienamente il processo normativo. Continuano a emergere prove degli effetti negativi sulla salute e, d’altra parte, l’uso di nicotina in qualsiasi forma è pericoloso per i giovani.

marketing diretto ai giovani

L’aumento dell’uso di sigarette elettroniche e lo svapo da parte dei giovani non sorprendono, via via che apprendiamo come l’industria del tabacco, in particolare il produttore di sigarette elettroniche JUUL, ha preso di mira i giovani con intelligenti campagne di marketing, le alte concentrazioni della nicotina che viene rilasciata dai prodotti per lo svapo e gli attraenti sapori progettati per attirare una nuova generazione di nicotina.

l’uso di sigarette elettroniche è raro tra gli adulti

Al contrario dei giovani, solo il 3,2% degli adulti usa sigarette elettroniche con un andamento della prevalenza sostanzialmente piatto dal 2014, secondo il National Health Interview Survey.

gusti e aromi dei liquidi da svapo ne aumentano l’attrattività per i più giovani

Di fronte a questo peggioramento dell’epidemia di sigaretta elettronica tra i giovani, con il 97% dei giovani che svapano usando liquidi aromatizzati, l’Amministrazione Trump deve attuare il piano, annunciato più di tre mesi fa, per liberare il mercato da tutte le sigarette elettroniche aromatizzate – inclusi i liquidi al sapore di menta e mentolo – da tutti i punti vendita al dettaglio e online. Il pubblico sostiene ampiamente questa azione.
Secondo un nuovo studio sulla Truth Initiative pubblicato su Nicotine & Tobacco Research, oltre il 75% di i genitori con studenti delle scuole medie e superiori sono favorevoli al divieto di vendita di sigarette elettroniche aromatizzate, indicando che c’è uno schiacciante sostegno dei genitori a politiche più rigorose di controllo del tabacco volte a prevenire l’uso del tabacco tra i giovani.
Da parte sua, Truth Initiative sta affrontando direttamente l’epidemia di sigarette elettroniche con una efficace campagna nazionale di prevenzione tra i giovani, una campagna che sta già mostrando cambiamenti negli atteggiamenti dei teenager che svapano. Il nostro programma per smettere di fumare ora ha più di 70.000 iscritti e prime prove di efficacia.

appello di Truth al Governo USA

Siamo profondamente preoccupati per il fatto che la salute dei giovani americani continui a essere messa a repentaglio dall’industria del tabacco, un’industria che privilegia i profitti rispetto alla salute pubblica. Questo gigantesco esperimento di chimica andato male, condotto per altro su un pubblico, composto per la maggior parte da adolescenti e giovani adulti, deve smettere.
Sollecitiamo il governo federale ad attuare il saggio piano di mettere immediatamente fuori mercato tutti i gusti, tra cui la menta e il mentolo, in modo che questo allarmante trend di aumenti annuali nell’uso di sigarette per i giovani possa essere invertita e si possa tornare a un percorso di progresso nel rendere il tabacco una cosa del passato e realizzare una cultura di rifiuto del tabacco in tutte le sue forme tra adolescenti e giovani adulti.

dettagli sullo studio Monitoring The Future

Lo studio Monitoring The Future dell’Università del Michigan tiene traccia delle tendenze nell’uso di sostanze tra studenti delle classi 12, 10 e 8. Ogni anno, lo studio nazionale esamina 50.000 studenti che frequentano circa 400 scuole secondarie pubbliche e private negli Stati Uniti.